News

Le ultime novità

Quando il cambio di un vettore può distruggere la tua attività

Quando manca il pollo da friggere, la catena Kfc non può che chiudere centinaia di locali a tempo indeterminato. Saracinesche abbassate, dunque, e molti problemi da risolvere. La drastica decisione di fermare 575 punti vendita su 900, in Gran Bretagna e Irlanda, dipende dalla mancanza di 'materia prima': ossia la carne di pollo. Nel dettaglio, le problematiche riconducono al sistema logistico della società. La settimana scorsa, Kfc è passata al corriere Dhl per le sue forniture, ma qualcosa è andato storto. Evidenti "problemi operativi" hanno di fatto bloccato le consegne di pollo. E mentre gli utenti sfogano la frustrazione sui social, rimbalzano le note e i comunicati stampa della catena statunitense e degli spedizioneri tedeschi. Lo racconta Bbc, la società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo nel Regno Unito. "Non vogliamo scendere a compromessi sulla qualità e quindi in assenza di consegne, alcuni dei nostri ristoranti sono chiusi e altri offrono solo una parte del menù a orari di apertura ridotti", spiega Kentucky Fried Chicken. In una nota separata, Dhl si scusa: "Abbiamo avuto problemi operativi" e stiamo cercando di affrontare l'emergenza "con Kfc e i nostri partner per ripristinare la situazione". (fonte rainews)

POSTS RECENTI

Quando il cambio di un vettore può distruggere la tua attività

Quando manca il pollo da friggere, la catena Kfc n...

Perché la merce arriva distrutta? Ti racconto la storia delle stufe a pellet

A dimostrazione di quanto certi quesiti, posti a...

Blockchain: per supportare al meglio la produzione logistica e supply chain

Blockchain, ovvero "registro transnazionale si...

I logistici del 2016 secondo Assologistica

Venerdì 24 novembre 2016 è avvenuta a Milano la ...

Osservazione mercato autotrasporto italiano

Durante la prima giornata del Forum di Cernobbio d...

scroll up